Lusso accessibile, pellami (anche italiani) riciclati, savoir-faire francese: Modèle Particulier si lancia col crowdfunding

Da cliente a socio, da acquirente a investitore. È il nuovo modello di business lanciato da Yann Ducarouge e sua moglie Emma, due imprenditori pellettieri francesi con base a Deauville (Normandia) che, dopo aver ottenuto un certo successo con il proprio brand Lollipops, hanno tentato una nuova via che mescola tecnologia, new economy e pelle. Nel 2016 hanno dato vita al nuovo marchio “Modèle Particulier” e ora hanno aperto il suo capitale attraverso una piattaforma di crowdfunding, trasformando così i loro i clienti in investitori e offrendo loro da un lato prodotti realizzati con pellami pregiati, in parte anche recuperati da scarti di precedenti lavorazioni, e dall’altro di personalizzare nel dettaglio i prodotti. Per il cliente il processo inizia con la scelta del modello di base, sia esso da uomo o da donna. Successivamente si decidono i materiali da utilizzare e la protagonista è la pelle: “La pelle è un prodotto naturale, un materiale vivente che si evolve nel tempo – si legge nel sito di Modèle Particulier -. Alcune delle nostre pelli sono infatti i resti dei beni di lusso, realizzati in Italia per l’industria della pelletteria di alta gamma e questo ci permette di offrire un prodotto eccezionale come vera pelle di pitone”. Si può scegliere tra pelle pieno fiore di vacchetta (conciata in Francia o in Italia), scamosciata (lavorata in Italia), bovina con stampa animale – sempre pieno fiore -, vacchetta metallizzata oppure pelle di pitone. L’insieme dei fattori introduce nel processo di produzione e vendita concetti come quello di “lusso accessibile“, “slow fashion” e soprattutto “ecologia” in quanto, come sottolinea l’azienda stessa, “i nostri pellami arrivano dalla Francia e dall’Italia, non hanno girato il mondo tre volte prima di essere consegnati”. Tutto questo è ora alla portata di nuovi investitori che attraverso la piattaforma “Kiosk to Invest” potranno acquistare quote di capitale: l’obiettivo è arrivare a raccogliere 350.000 euro entro il 27 aprile e per ora i 7 investitori che hanno aderito al progetto hanno consentito di racimolare 135.000 euro. Il tempo stringe. (art)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati