Concia mondiale a confronto. All’assemblea ICT di Hong Kong tiene banco la preoccupazione per la materia prima

Prezzi, soprattutto. Ma anche qualità, regole commerciali e le prospettive di un mercato globale che, per quanto riguarda le pelli finite, è tutto fuorché tranquillizzante. Poi misurazioni, certificazioni e protocolli di sostenibilità, passando per la presentazione del prossimo World Leather Congress (Shanghai, 29 agosto 2017) e le iniziative su impronta ambientale ed etichettatura. Si è da poco conclusa a Hong Kong l’Assemblea annuale di ICT, International Council of Tanners, che ha confermato come, a livello globale, il settore conciario condivida la forte preoccupazione degli operatori europei: la domanda di pelli finite è stagnante, trend confermato anche dei conciatori cinesi (in tenuta su imbottito e automotive, in forte stress sulla calzatura). L’offerta di materia prima, invece, sembra più consistente, ma anche sottoposta a una pressione al rialzo dei listini a dir poco controproducente, con la conceria che rischia di rimanere schiacciata tra l’incudine dei detentori e il martello dei clienti (che giocano al ribasso). Approvate ufficialmente, e di imminente diffusione, le linee guida commerciali per l’acquisto della materia prima, sviluppate da ICT in autonomia, causa fallimento delle trattative con i grezzisti per la modifica del Contratto Internazionale n. 6. L’assemblea ha ospitato anche Giacomo Zorzi di ICEC, che ha presentato standard e certificazione della qualità e della sostenibilità proposti dall’istituto di certificazione di riferimento dell’area pelle italiana. Infine: attenzione per l’evoluzione tecnologica dei sistemi di misurazione nell’approfondimento offerto da Roberto Vago di Assomac.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati