E-commerce e Italia: le vendite digitali crescono, ma i retailer sono in ritardo e rischiano il World Wild Web

Le vendite online crescono, ma non sono mai abbastanza.
I negozi italiani non riescono ancora a sfruttare le potenzialità del web. In Italia, tra novembre e dicembre, lo shopping digitale è cresciuto del 20% rispetto allo stesso periodo del 2017, grazie anche a Black Friday e Cyber Monday, e tra i prodotti più richiesti ci sono state sneaker e accessori. Il fashion assorbe 2,9 miliardi di euro (+20% sul 2017) dei 27,4 miliardi del business online 2018 che ha registrato un incremento del 16% sull’anno precedente (dati dell’Osservatorio eCommerce B2C Netcomm del Politecnico di Milano). Secondo Roberto Liscia, presidente di Netcomm: “Tra 5 anni il 20% dei prodotti fashion sarà acquistato online, ma l’80% nei negozi. Il canale fisico dovrà però offrire l’esperienzialità digitale per poter competere”.

Nonostante la crescita attuale e prevista, però, per Alessandro Perego, direttore scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, spiega che “in Europa, l’Italia è ancora lontana dai principali mercati e-commerce, come Francia, Germania e Regno Unito”. Una risposta a questo ritardo l’ha data Massimo Torti, segretario generale di Federazione Moda Italia: “In Italia il 33% dei negozi di moda ha un sito internet, ma solo il 13,6% vende online. È necessario un nuovo approccio che incroci i canali fisici con quelli digitali, ma serve una regolamentazione dell’e-commerce sui rapporti tra produttore, distributore e consumatore, altrimenti più che di World Wide Web dovremmo parlare di World Wild Web. Tra l’altro, in pochi espongono l’etichetta dei prodotti online, come sarebbe invece obbligatorio”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati