Nuova Zelanda, per l’eradicazione del mycoplasma bovis siamo a metà dell’opera: 50.000 capi abbattuti, 51 allevamenti ripuliti

La lotta al mycoplasma bovis continua in Nuova Zelanda: l’anno orribile per la zootecnia del Paese oceanico si chiude con l’abbattimento di 50.000 capi, ma il piano governativo per l’eradicazione della malattia prevede di arrivare a 100.000 unità di bestiame (delle 126 mila messe in preventivo a maggio del 2018), con test di controllo fino al 2025. “In questa fase – ha dichiarato il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern sullo stato dell’arte nel controllo dell’epidemia di mycoplasma bovis – abbiamo fiducia che l’approccio adottato per eliminare la malattia sia quello giusto e restiamo impegnati a continuare”. In Nuova Zelanda oggi ci sono 32 allevamenti infetti: 51 sono già stati  risanati e gli allevatori hanno ricevuto un risarcimento per oltre 20 milioni di euro complessivi. Il batterio provoca negli animali aborti e polmoniti, ma pare che non sia pericoloso per i prodotti derivati quali carne e latte, mentre non compromette la qualità della pelle. Il primo focolaio del batterio del mycoplasma bovis è stato individuato a luglio del 2017. Secondo gli osservatori, il programma di macellazioni obbligatorie non ha influenzato il mercato della materia prima conciaria. (aa)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati