Vuitton, più pelle e borse più care

Le borse Louis Vuitton costeranno di più: “La sfida è reperire pelli di qualità, che al momento costituiscono una risorsa scarsa” ha affermato Jean-Jacques Guiony, a capo dell’amministrazione finanziaria della maison parigina. Il quale ha poi anche affermato che la transizione verso borse in pelle di qualità e prezzi superiori “non è basato su un procedimento di tre settimane”. Ovvero: è destinato a proseguire. Lo spostamento da tessuto a pelle determinerà, secondo gli analisti, lievi perdite nel breve periodo. I prezzi saliranno più per il riposizionamento nel mercato che per le difficoltà di approvvigionamento, che invece sembrerebbero determinanti per Hermes (che stenta a reperire un numero sufficiente di vitellini). “Vuitton, come Prada e Gucci, ha deciso di elevare la percezione di esclusività” sintetizza Mario Ortelli della londinese Sanford Bernstein. Risultato che Lvmh ha centrato con la borsa W, in vendita tra 2.500 e 3.500 euro. Kering e Lvmh avevano ritoccato il listino della pelletteria a febbraio a breve distanza l’una dall’altra. Vuitton proprio ad inizio dell’anno ha acquistato un allevamento di coccodrilli (Kering invece una conceria, France Croco) per scongiurare lo shortage di pelli. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati