Loro Piana, l’abbigliamento invernale va stretto ma la scarpa funziona: il prossimo passo è lo sviluppo della pelletteria

Più stagioni, più accessori. La parabola di Loro Piana si può sintetizzare così: posizionarsi come griffe di altissima gamma dell’abbigliamento invernale è servito alla griffe per affermare il proprio status nel fashion system. Ora che il marchio (controllato all’80% da LVMH) ha, però, mire più universali, sono necessarie le strategie di prodotto e di marketing. Lo ha spiegato il ceo Fabio D’Angelantonio al Financial Times: “In realtà già ora siamo un marchio per tutte le stagioni. Da anni offriamo capi estivi – afferma –. Adesso vogliamo puntare sul lato esperienziale, aprendo negozi in località di mare”. Perché? Sono cambiati i consumatori: “Le stagioni sono flessibili – sostiene D’Angelantonio –: il cliente può trovarsi nella stessa settimana prima in un luogo caldo e poi in uno freddo”. Basta essere solo quelli del cashmere e della vicuña, ma basta anche essere solo quelli dell’abbigliamento: “Loro Piana è in crescita – scrive Financial Times –. Le vendite vanno su e la presenza commerciale è in espansione. Le scarpe conoscono buone prestazioni e il marchio a breve potenzierà la pelletteria”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati