Numero 05

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

A New York “special edition”
Il mercato USA «è in evoluzione» e la fiera gira a mille. Soddisfatti designer e buyer, anche per i prezzi più accessibili. Entusiasti gli espositori. L’importanza del “fattore online”.
Troppi sconti?
Secondo Credit Suisse a Natale lo hanno fatto i 4 brand “affordable” statunitensi. Coach “meno di massa” e migliora.
Ritorna il mercato
Fine delle sanzioni economiche. Cadono i limiti ai pagamenti. Molte concerie italiane ritrovano un importante canale di approvvigionamento ovicaprino. Da Teheran a Lineapelle. I cinesi ci vanno in treno.
In ristrutturazione

UE, le grandi insegne di vendita della calzatura media soffrono. Tante chiusure, tantissimi licenziamenti, molti passivi. Pesa la concorrenza di internet, delle catene sportive e del fast fashion. Insegne in controtendenza. Pericolo cinese.
Patrimoni in crescita
Stati Uniti e Brasile, macellazioni a confronto. 2015 in calo, miglioramento nel 2016. Gli allevatori aumentano i capi delle mandrie. Protezionismo: chi apre, chi chiude.
Bugie veg
Un mito che crolla. Università di Oxford: gli erbivori hanno la stessa mortalità degli onnivori. Stesse cose per il sesso. Leonardo onnivoro.
Crescita frenata e new entry
Riccardo Braccialini, presidente Aimpes: «Inatteso peggioramento a fine 2015». Segnali positivi, perché «il nostro prodotto è fatto meglio». Molti giovani designer emergenti.
Scarpe prodotte: -3%
Annarita Pilotti, presidente Assocalzaturifici, prevede l’arrivo del «più difficile theMicam di sempre». Troppa incertezza e tensione sui mercati. Sneaker? Vince solo sotto i 100 euro.

LA SITUAZIONE DEI PREZZI IN ITALIA E NEL MONDO
Listini Italia statici. Offerta superiore alla domanda sulle fasce medie e basse, mercato attivo sulle prime scelte. Buon avvio di stagione del macello USA. Le festività cinesi rallentano il mercato, riducono la domanda e spingono al ribasso i listini. Brasile invariato, con macellazioni stabili.

Hong Kong, 2015 del retail: -3,7%
Online / 1: molti resi nelle scarpe
Online / 2: acquisti italiani
Conciatori pakistani: aiuto!
Etiopia: grezzo degradato

 

 

 

 

 

 

 

 

dalla sede. Bread & Butter si svolgerà
sempre a Berlino, non presso l’aeroporto Tempelhof
bensì all’Arena, già sede degli eventi modaioli
Bright e Seek, vicino alla sede amministrativa
di Zalando. La “nuova Bread & Butter” sarà
caratterizzata da sfilate interattive, esibizioni
musicali e l’ingresso sarà aperto ai consumatori
finali i quali, proprio tramite Zalando, potranno
acquistare online quello che vedono negli stand.
Gli addetti ai lavori ne parlano come della «prima,
vera fiera dell’era digitale». (mv)

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso