Numero 12 – 13

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

 

Il valzer degli stilisti
Raffica di avvicendamenti alla direzione creativa delle griffe (e non solo). Da Gucci che si separa da Frida Giannini al divorzio di Slimane da YSL, l’elenco è lunghissimo e significativo. L’appetito dell’emiro.
Una è sufficiente
Gucci: «Faremo una sola sfilata a stagione, uomo e donna insieme». Ma niente “see now, buy now”. Motivo: «Semplificare alcuni aspetti del business». Cioè: risparmiare.
Parziale invalidità
Pasticcio europeo: la Corte di Giustizia comunitaria sconfessa i dazi calzaturieri imposti da Bruxelles (contro Cina e Vietnam) dal 2006 al 2011. Rimborsi per Clarks (60 milioni di euro) e Puma (5,1 milioni).
Giganti che soffrono

In Cina e India l’export di calzature in pelle non smette di perdere colpi. Meno domanda, aumento dei costi di produzione.
Meno 369,4 milioni di euro
Tanto è costato finora l’embargo contro Mosca a scarpe e borse italiane. Lo dice CGIA mestre. Dati Italian Trade Agency diversi da quelli Aimpes e Assocalzaturifici.
Mosca va al risparmio
Obuv’ Mir Koži (22/25 marzo) conferma la crisi russa. Eleganza penalizzata, si rafforzano sneaker e fondi in gomma. Qualche segnale positivo per la lieve rivalutazione del rublo. Addio (per ora) alla fascia media. Rallenta anche l’online.
Più forza alla donna
Santoni investe nel segmento femminile (+35% nel 2015). «Il lavoro c’è, bisogna saperlo catturare». L’azienda resta familiare.
Fattore climatico
Stati Uniti: l’inverno mite penalizza stivali e calzatura fashion. Sneaker solida. Bene i modelli flat. Buone prospettive per i consumi primaverili.
Hong Kong conferma
Poche novità da MM&T-APLF. Anzi, quasi nessuna. Espositori divisi sull’esito delle trattative in fiera, d’accordo sulla trasformazione che sta subendo la Cina. Dietrofront Kasen, silenzio/assenso GST.
Laboratorio Asia
L’export di Vietnam e Bangladesh cresce. Il TTP li può consacrare come player globali. Ma hanno bisogno di materia prima. La leadership cinese non è in discussione. Intervista a Michael Duck, direttore APLF.
Vento in contract
Con passo lento e inesorabile la fornitura per hôtellerie cresce. Trainanti lusso e grandi eventi, e non solo. Bene l’export verso Asia e Paesi Arabi, che uniformano i gusti a quelli occidentali. Serve tanta flessibilità. Italia: segno più.
Inalca prende Unipeg
Il macello del Gruppo Cremonini acquisisce il primo operatore cooperativo italiano. Nasce un colosso da oltre 2 miliardi di euro.
L’acqua giusta
Per produrre un chilo di carne in Italia si impiegano risorse idriche minori alla media mondiale: -31%. Un vantaggio di fronte agli ambientalisti e per la sostenibilità della zootecnia nazionale. L’impronta della pelle.
Meno agnello
A Pasqua giù i consumi di carne ovina. Sotto tiro l’intera industria zootecnica. Mentre in Italia gli animalisti attaccano i giornalisti, in Francia si scagliano contro i macelli.
Farsa bengalese
Caos ad Hazaribagh. Il 1° aprile la polizia è stata  schierata per impedire l’ingresso alla materia prima. Le concerie insorgono e ottengono l’ennesima (breve) deroga. A Savar, però, è pronto poco o niente.

Il caso della settimana: Armani e la pelliccia
Hermès cresce, investe e aumenta gli scontrini
Online il lusso vale il 7%
ICT e ICHSLTA, nuovi presidenti
Brasile: calzatura debole
Francia: addio alle ballerine Hirica

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso