Numero 14

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

Il futuro del lusso
La moda italiana chiude il 2015 in crescita, guarda al 2016 con fiducia e lancia la sfida della sostenibilità. Milano torna capitale fashion. Ma non bisogna sedersi sugli allori. Parola di Carlo Capasa, presidente Camera Nazionale della Moda Italiana. Intervista esclusiva.
E adesso?
Braccialini davanti al suo futuro. La famiglia esce dal board, ma conferma il sostegno finanziario ai soci. Bilancio 2015 sotto del 7%. Buone indicazioni per l’inverno 16/17.
Comprensorio 2.0
In Toscana, le concerie riformattano il modello produttivo per seguire l’evoluzione di un lusso che cerca maggiore accessibilità o si fa ancor più esclusivo. Volumi frammentati e upgrading del servizio per affrontare “un lavoro altalenante”. Il rosso Carismi preoccupa. Il punto sul Tubone.
Non succede niente
Nessuna ripercussione commerciale sulla gestione del grezzo dall’acquisizione Inalca-Unipeg. Probabile “assorbimento” di Quinto Valore. Mercato Italia: disponibilità limitata, lievi correzioni sul vitello.
Richiamo all’unità
International Council of Tanners: Rino Mastrotto passa il testimone a Richard Pai e traccia un bilancio della sua presidenza. “Gettati semi che hanno attecchito. Ora li si faccia germogliare”.
Coltello tra i denti
La scarpa del Brenta archivia un buon avvio di 2016 e “guarda al presente”. Cassa Integrazione giù del 40%. Badon: “Ci siamo ritagliati la nostra nicchia”. Vicari: “Dobbiamo farci pagare di più le scarpe”. L’evoluzione di Montebelluna. Il ritorno di Verona.
Record del mondo
Gli spagnoli di Tempe “gestiscono” le scarpe per tutti i brand fast fashion dei connazionali di Inditex. Fatturano più di un miliardo di euro e progettano la più grande piattaforma logistica del globo.
Hong Kong, addio
I cinesi, per lo shopping di lusso, preferiscono Parigi. Intanto Pechino inasprisce i controlli doganali e tassa gli acquisti online. Obiettivo: scoraggiare il “daigou”. Rischio: deprimere ulteriormente i consumi.
Vintage e naturale
Il Salone del Mobile dice che per gli imbottiti il peggio è alle spalle. Gli affari crescono, anche in Italia, ma il gusto del pubblico è in trasformazione. Stufo di materiali standardizzati, vuole tornare a vedere la pelle. Madre Russia addio.
Moscow mon amour
La Russia non fa paura a Piquadro che vara la riorganizzazione della sua presenza sotto il Cremlino. Più forza all’online. Fatturato complessivo in crescita del 3%.
9,3 miliardi di euro
E’ il valore dell’area pelle francese, anno 2015. Ripartono scarpe e borse, non la piccola pelletteria. Maggiori acquisti di pelli esotiche. Intanto a MIllau 18 aziende costituiscono un polo della pelle.

Il caso della settimana: le griffe e la Svizzera
La Cina di Vuitton: “Alcune chiusure, nessun abbandono”
USA, più scarpe importate a febbraio: troppe?

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso