1,5 milioni di fatture false per l’acquisto di scarpe, commerciante condannata a tre anni

Era il 2008 quando Milena Aneva, cittadina bulgara 48enne, conduceva la sua azienda dedita all’import/export a Civitanova Marche. Venerdì scorso, la donna è stata condannata in primo grado dal Tribunale di Macerata a 3 anni di reclusione, oltre a 500mila euro di multa. Secondo l’accusa, avrebbe emesso fatture false per simulare l’acquisto di calzature pari ad 1 milione e mezzo di euro, evadendo in questo modo 300mila euro di Iva. L’avvocato Giancarlo Giulianelli, difensore della donna che ha già annunciato il ricorso in appello, ha raccontato di aver documentato la fatturazione di 1 milione e 800mila euro “relativi alla vendita delle scarpe, che aveva realmente acquistato”. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati