Asics corre veloce

La scarpa da corsa consente ad Asics di chiudere il terzo trimestre con una crescita semestrale del 21,4%. Al 30 settembre, gli utili sono stati di 1,56 miliardi di dollari dai 1,26 del 2012. La sneaker da corsa ha registrato un aumento delle vendite dl 12% nelle Americhe e del 7,3 in Europa, mentre il trend è negativo in Giappone (-15%). I ricavi sono in aumento del 36,6% (quasi 8 miliardi, erano 5,81 nei primi sei mesi del 2012), ma la cifra è fortemente influenzata dalla vendita del terreno su cui sorgeva un centro di distribuzione in Giappone. Le vendite domestiche sono cresciute di quasi il 4% sostenute dall’attrezzatura per baseball e delle sneaker concepite per esercitarsi camminando, mentre al di là degli Usa è +30,5%. Interessante notare che il business asiatico (+67,8%, 11,1 miliardi, erano 6,6) è stato trainato dalla Corea, paese che vanta non solo tradizione nel podismo, ma segue con attenzione anche il basket Nba. Nella comunicazione ufficiale accompagnata al bilancio, Asics sostiene che “nonostante i persistenti dubbi in merito alla direzione fiscale del governo americano e alle prospettive economiche in Cina, l’economia globale continua ad avanzare affiancata da un lento recupero produttivo. Anche quella giapponese sta risorgendo gradualmente”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati