Baldinini e l’aeroporto: “Prima si copra il debito”

“Escludo ogni mio finanziamento di salvataggio ad Aeradria. Gli enti pubblici che hanno portato la società in questo stato debitorio prima devono risolvere i problemi e ottenere il concordato. Appena la società sarà ‘ripulita’, con i conti in ordine, e il concordato in mano, io e altri imprenditori siamo pronti a investire sull’aeroporto”. Gimmi Baldinini chiarisce le condizioni di un suo eventuale investimento sull’aeroporto Fellini, dettando i presupposti di una eventuale cordata di imprenditori disposti a scommettere sullo scalo riminese. Come abbiamo riferito nei giorni scorsi, Aeradria la società che gestisce l’aeroporto, è alle prese con un vertiginoso buco di bilancio (si parla di 47 milioni di euro), aggravato dal rifiuto del concordato e dalla richiesta di istanza di fallimento da parte del Tribunale di Rimini. Insomma, prima risolvete tutte le grane di bilancio, è il Baldinini-pensiero, poi ne possiamo discutere. Ma a una condizione altrettanto netta, spiega l’imprenditore di San Mauro: “i soci pubblici devono lasciare la maggioranza a noi privati”. Resta un nodo da sciogliere: chi sborserà i soldi per garantire l’attività del ‘Fellini’ in questa fase ed evitare il crac di Aeradria? (f.f.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati