Brenta / 1: ancora un blitz contro i laboratori cinesi clandestini

Ennesima operazione della Guardia di Finanza contro i laboratori clandestini cinesi in Riviera del Brenta. Ne sono stati ispezionati 17, con i militari che hanno individuato 9 lavoratori in nero, 22 impiegati in maniera irregolare e 2 privi del permesso di soggiorno. In due casi è stata riscontrata  una presenza di lavoratori in nero superiore al 30% ed è stata disposta l’immediata chiusura dei laboratori. L’operazione è stata condotta dal Comando delle Guardia di Finanza di Venezia, con personale della compagnia di Mirano, in collaborazione con la Direzione Territoriale del Lavoro e dell’Inps. Il modo di operare e il contesto sono quelli noti: ambienti malsani, turni di lavoro pesantissimi e lavoratori sottopagati che in qualche caso vengono controllati con delle telecamere. Inoltre, hanno riscontrato i finanzieri, che in diversi casi ai connazionali più deboli e bisognosi vengono intestate le attività per poter far ricadere su di loro le responsabilità amministrative e penali. Sono in corso accertamenti sul fronte dell’evasione fiscale. “Esprimo un plauso alla guardia di finanza – ha dichiarato dice Siro Badon, presidente di Acrib – che ancora una volta ha svolto un ottimo lavoro nello stanare laboratori irregolari che danneggiano l’immagine del distretto calzaturiero della Riviera del Brenta e gettano discredito ai calzaturifici che operano nella legalità. Per noi è importante che le istituzioni mantengano alta l’attenzione su situazioni poco chiare che creano concorrenza sleale. Per quanto riguarda le aziende committenti, quando si conosceranno i nomi e se appartenenti al sistema Acrib, porteremo il caso ai competenti organi associativi per le opportune valutazioni. Diverso invece il caso dei tomaifici che non sono iscritti alla nostra associazione2. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati