Brucia un calzaturificio di Soncino: in cenere produzione e deposito pellame

Un grave incendio ha colpito il calzaturificio Due Bi di Soncino, in provincia di Cremona. Il rogo si è sviluppato nella parte terminale del capannone dove erano parcheggiate auto e furgoni, in una parte della manovia, nel deposito di pellame e nel magazzino dove erano stipate alcune migliaia di confezioni di scarpe pronte per essere spedite. È andato tutto distrutto. Sono in corso i controlli per capire se la struttura abbia resistito alle fiamme. ” È andata distrutta praticamente tutta la produzione invernale che era già venduta – raccontano da Due Bi – non sappiamo che cosa ha originato le fiamme, ma escludiamo il dolo e il corto circuito. È la seconda volta che succede, il primo incendio risale al 1980, ma non solo: 8 anni fa una tromba d’aria ha scoperchiato completamente il tetto del capannone”. I sospetti dei Vigili del Fuoco sono indirizzati sugli impianti elettrici delle auto o dei furgoni ospitati all’interno del capannone. Da una prima stima i danni superano il milione di euro e, anche se i proprietari sono assicurati, un’intera stagione di lavoro è andata perduta. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati