Bruno Magli passa al fondo americano Neuberger Berman per 28,5 milioni di euro

Da ieri pomeriggio lo storico marchio Bruno Magli è a tutti gli effetti americano. Nell’asta che si è svolta ieri presso il Tribunale di Bologna, Marquee Brands, braccio operativo del prestigioso fondo di investimento Neuberger Berman, si è aggiudicato la proprietà per la cifra di 28,5 milioni di euro, prevalendo su Blue Star che si era presentata all’asta con il sostegno del fondo Carlyle. I soldi dell’acquisizione serviranno per ripianare i debiti (23 milioni) e far ripartire la produzione, che rimarrà in Italia, come ha spiegato Giuseppe Pirola, presidente del cda dell’azienda: “Siamo molto contenti per come è andata. Quasi un miracolo se pensiamo che lo scorso giugno eravamo a un passo dal fallimento. Ora invece con i nuovi proprietari c’è già un primo accordo di massima: la continuità della produzione negli stabilimenti italiani”. Pirola ha inoltre sottolineato come: “Con i circa 5 milioni in più, oltre ai 23 che appianano il debito, potremo anche far rimanere con noi circa la metà dei 40 lavoratori per i quali erano già stati azionati gli ammortizzatori sociali. Cercheremo di fare il possibile e in merito incontreremo presto la proprietà”. Intanto la prossima novità sarà l’apertura di un museo a Bologna dedicato al brand, con oltre 800 paia di scarpe prodotte dal 1940 ad oggi in esposizione permanente. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati