Caro pelli, Nike aumenta i prezzi

I costi delle materie prime hanno indotto Nike a rivedere i prezzi delle proprie calzature. Il colosso di Beaverton cambia dunque strategia: stop all’assorbimento degli aumenti, come avvenuto nel recente passato, e via libera a una revisione dei listini fino al +5-10%, con particolare riguardo per i modelli in pelle. La più costosa delle sue scarpe, Lebron 10 (nella foto), arriverà a 315 dollari al paio. Mary Remuzzi, portavoce della direzione Nike, afferma che gli aumenti non saranno generalizzati e sono supportati da elementi legati alla produzione, non al marketing. “La nostra strategia è fornire al consumatore un prezzo sostenuto nei modelli che contengono tecnologia superiore o che costituiscono la nostra immagine – afferma Jeanne Jackson, presidente Nike di distribuzione e merchandising – si tratta di trovare un delicato equilibrio, ma le indagini di mercato sono dalla nostra parte”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati