Casal di Principe, irruzione in calzaturificio cinese, trovati nove irregolari

A Casal di Principe la camorra si dedica anche alle scarpe. I carabinieri, nel corso di un controllo a capannoni e fabbricati dove i cinesi, per conto dei clan locali, effettuano lavorazioni di vario tipo, hanno fatto irruzione all’interno di un immobile identificando 9 persone intente a confezionare scarpe.
Il gestore dell’opificio clandestino, una donna di nazionalità anch’ella cinese, è stata arrestata per “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina” poiché, tra i 9 dipendenti, alcuni erano irregolari.
L’intera struttura, in pessime condizione igieniche e di sicurezza, con un seminterrato adibito a fabbrica e i piani superiori usati come dormitorio, è stata sottoposta a sequestro, in attesa di ulteriori accertamenti a cura dell’ispettorato del lavoro e della Asl competente. Al momento sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a ricostruire eventuali collegamenti degli opifici clandestini gestiti da cinesi con la criminalità organizzata locale.
La presenza dei cinesi nel territorio, come elemento della filiera della moda e del lusso, era stata al centro di un capitolo del best seller “Gomorra” di Roberto Saviano, che ha reso “celebre” proprio la camorra di Casal di Principe.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati