Ce.Se.Ca: vice presidente condannato a 2 anni per bancarotta

Mario Micheli, ex vice presidente di Ce.Se.Ca, il centro servizi calzaturiero di Segromigno in Monte, è stato condannato in primo grado a due anni in un processo che lo vedeva imputato per bancarotta patrimoniale e documentale. Nel 2013 l’azienda era stata messa in liquidazione prima dello scioglimento nel 2014 con la nomina del liquidatore Marco Marchi. Micheli era accusato di aver distratto una somma di denaro pari a 150.000 euro in relazione al mancato introito della vendita di un rudere stimato in 200.000 euro. La procura aveva quindi ipotizzato una distrazione dei beni (denaro) della Ce.Se.Ca, che era in liquidazione da imputare all’allora vice presidente Micheli dopo che la posizione del presidente era stata stralciata. Fabrizio Ungaretti, l’avvocato di Micheli, ha annunciato che ricorrerà in appello: secondo il legale non era il suo assistito che doveva comparire di fronte ai giudici del tribunale perché, in considerazione del fatto che fosse il vice presidente, non poteva avere responsabilità nella vendita e nel mancato introito. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati