La Cina perde terreno, ma resterà il primo fornitore di scarpe per gli Usa

Vietnam e altri Paesi del Far East conquistano spazio nelle forniture calzaturiere agli Usa, ma la Cina resta il punto di riferimento per i consumi e per l’affidamento di commesse da parte delle holding di settore. Lo riporta uno studio commissionato dalla Fdra, associazione dei distributori e retailer calzaturieri degli Stati Uniti. La quota però si sta riducendo. Nel 2013 l’import in milioni di paia dalla Cina rappresentava l’81% del totale Usa, nel 2018 è destinato a scendere al 71%. Il Vietnam, attualmente al 10%, salirà al 12%. Lo scorso anno, l’aumento dell’export calzaturiero vietnamita negli Usa è stato pari al 20% e le prospettive sono ancora più interessanti per l’adozione dell’accordo di partnership Trans-Pacific, che cancellerà i dazi all’ingresso, pari a 361 milioni di dollari. Oltre a Cina e Vietnam, stanno aumentando le quotazioni di Cambogia, India, Etiopia e di Paesi latinoamericani. La produzione interna fornisce appena l’1% delle calzature consumate ogni anno negli Stati Uniti. Il totale importato nel 2013 è stato di 2,3 miliardi di paia, per una media di 7,32 paia pro capite. “Americans love shoes” ha commentato il presidente dell’associazione, Matt Priest. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati