Colombia, scontro sul rinnovo dei dazi alle scarpe d’importazione

Mancano tre mesi alla scadenza dei dazi imposti dal governo colombiano contro l’import di scarpe asiatiche e le imprese calzaturiere si organizzano per chiedere una proroga di almeno due anni. Il quotidiano La Vanguardia scrive che i produttori, pur essendo parzialmente soddisfatti dei risultati già ottenuti (tra marzo e aprile 2013 si era addirittura registrato un calo del 76% nell’import dalla Cina, principale destinatario del dazio) è necessario più tempo per poterne apprezzare i benefici. La richiesta è stata formalizzata il 15 novembre da parte della Cámara Colombiana de Confecciones y Afines (Cccya) in una riunione tenuta dal presidente Juan Manuel Santos a Medellín. Pare infatti che da maggio questi benefici siano parzialmente venuti meno. Contro la manovra si stanno muovendo invece le catene leader al dettaglio, come Payless Colombia (divisione del gigante statunitense Payless): “Il decreto 074 si sta scaricando sui prezzi al consumo e colpisce imprese come la nostra, con incrementi tra il 40 e il 50% soprattutto sulle scarpe da bambino” ha affermato il proprietario Guillermo Barreto. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati