Expo Riva Schuh/1 Più pelle nel segmento medio, ma la concorrenza sul prezzo è “spietata”

Buon flusso di visitatori, crescente interesse per la pelle e concorrenza spietata. Sono tre aspetti emersi nitidamente nel corso dei primi due giorni dell’89esima edizione di Expo Riva Schuh, la fiera internazionale di riferimento per le calzature di segmento medio. A dirsi soddisfatti per l’andirivieni di persone sono sia Remigio Iachini, del calzaturificio La Repo di Porto Sant’Elpidio (Fermo), sia Paolo Tessarin, presidente di UBC di Quinto Vicentino (Vicenza). Un’opinione condivisa però anche dagli espositori stranieri, tra cui Mahmood Qadir della pakistana Beck: “In questi primi due giorni c’è stato un buon flusso, in particolare oggi (ieri, ndr) che è domenica – spiega l’imprenditore asiatico – Cresce il numero di buyer russi”. Un elemento, quest’ultimo, colto da molti. Parte dei visitatori ha concentrato la propria attenzione tra gli stand del padiglione C4, dedicato agli espositori cinesi, dove la cifra della spietata concorrenza è data dal “buttadentro” di uno stand con in bella mostra un cartello che recita “Top cheap”. L’attenzione al prezzo resta sempre molto alta, anche se nello stand UBC, Beck, come in quello della brasiliana Usaflex (specializzata nelle collezioni estive, ndr), concordano: “L’uso della pelle sta crescendo molto nel nostro segmento”. (art)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati