Fantascienza Adidas: meno di 6 mesi per portare una scarpa sul mercato e (magari) stamparla in negozio

Da 15 a 6 mesi per portare sul mercato un nuovo modello di scarpe. È questo l’ambizioso nuovo obiettivo di Adidas che, per “dare risposta in tempi adeguati ai rapidi cambiamenti dei gusti dei consumatori” sta aumentando i ritmi di sviluppo e produzione. Tale incremento nella rapidità di esecuzione passerà necessariamente dalle due Speedfactories di Atlanta (USA) e Ansbach (Germania), che il colosso tedesco ha costruito in un’ottica di automazione spinta. A esse si abbinerà una maggior attenzione alla customizzazione, che toccherà il suo punto più estremo con la possibilità di stampare alcuni modelli direttamente negli store anche se questo processo dovrebbe divenire realtà solamente fra una decina d’anni. “Le tendenze cambiano molto velocemente in questi tempi, e ciò che è di moda adesso a New York o Tokyo subito si diffonde in tutto il resto del mondo attraverso i social media” ha spiegato l’amministratore delegato Kasper Rorsted al quotidiano economico tedesco Euro am Sonntag. Il nuovo approccio di Adidas dovrebbe così portare a una riduzione considerevole dei tempi di produzione dei nuovi modelli, pronti in 6 mesi o anche meno a fronte dei 15 attuali. Questo potrebbe significare, ad esempio, che l’azienda sarebbe pronta a lanciare sul mercato un nuovo modello di calzatura creato ad hoc il giorno dopo della conclusione di un grande evento sportivo, come il campionato di calcio o il Super Bowl. Entro il 2020, sempre secondo le dichiarazioni del manager tedesco, Adidas potrebbe generare il 50% del proprio fatturato proprio da queste linee introdotte rapidamente sul mercato. “La velocità – ha concluso Rorsted – è un vantaggio competitivo“.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati