Fermo, 11 a processo per le false Hogan. C’è anche un ex assessore di Montegranaro

Si è aperto ieri al Tribunale di Fermo il processo penale per 11 persone accusate di produrre false Hogan. Gli imputati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla produzione e commercializzazione di calzature ed altri accessori contraffatti a marchio Hogan. Tra questi, compaiono alcuni noti imprenditori del fermano: Endrio Mancini, ex assessore del Comune di Montegranaro, Agostino Viola, Giuseppe Grisogani, Ciro Leccia, Stefano Grisogani, Adino Grisogani, Massimiliano Gallucci, Pietro Buratti, Taai Mahdi, Oreliano Vesprini e Stefano Bordoni. Dopo la riunione dei due filoni di indagini, quello della Procura di Fermo 2009 e della distrettuale antimafia di Ancona 2011, si è aperta l’istruttoria. Ieri sono sfilati i testimoni dell’accusa, gli agenti della guardia di finanza. “Le indagini hanno preso avvio in seguito a due sequestri effettuati a Fermo tra il 2009 e il 2010 – ha ricordato il maresciallo Catalano del Gico di Ancona – uno riguardante un carico di suole con marchio Hogan e l’altro di 1.200 paia di scarpe”. In seguito, grazie alle intercettazioni telefoniche, ci sono stati altri 5 sequestri per un totale di 50 mila paia di scarpe contraffatte, per un valore di oltre 2 milioni di euro. Secondo il Gico si trattava di una organizzazione che agiva a livello transnazionale e che curava tutte le fasi della catena produttiva, dalla stampa delle suole alla commercializzazione del prodotto finito. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati