Filanto, lavoratori in piazza per la cassa integrazione

Non sembra esserci pace per i lavoratori ex Filanto. La situazione per le aziende che compongono il cluster del gruppo salentino è complessa: mancano all’appello cinque mensilità, da agosto a dicembre 2013, e l’attivazione degli ammortizzatori sociali per il 2014 (nonostante i termini in scadenza) è legata ad una nuova richiesta che ancora non è stata presentata dai commissari delle società, unici referenti per quattro delle cinque aziende: Tecnosuole, Zodiaco, Labor ed Italia Pellami. Diverso il percorso per Filanto spa: con la procedura di liquidazione in atto, per la domanda della relativa cassa integrazione c’è tempo fino al 25 marzo. L’ultima richiesta di cassa integrazione straordinaria avanzata da Tecnosuole è stata respinta dal ministero per mancanza di condizioni, causando la rabbia di 150 lavoratori che hanno protestato sotto la sede della Provincia di Lecce. Antonio Gabellone, presidente della Provincia, ha deciso di inviare d’intesa con i sindacati una lettera di sollecito al ministero nel tentativo di risolvere la questione. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati