Geox in calo punta su Asia e Europa dell’est

Il consiglio di amministrazione di Geox S.p.A ha approvato ieri i risultati consolidati dei primi nove mesi del 2013. Nel dettaglio, i ricavi sono scesi del 12% a 618,1 milioni di euro, mentre l’Ebitda si è attestato a 31,1 milioni rispetto a 88,4 milioni dei primi nove mesi del 2012. Secondo il comunicato del gruppo, si tratta di “un risultato condizionato dalla difficile e perdurante congiuntura economica che sta colpendo paesi rilevanti per il Gruppo come quelli dell’Europa mediterranea”. L’Italia rimane il mercato principale della società, con una quota del 32% dei ricavi pari a 198,9 milioni, con una diminuzione del 24,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “Il 2013 – conclude la nota – sarà un anno di transizione, in cui il gruppo continuerà a investire nello sviluppo di nuovi prodotti e nel bilanciamento geografico delle vendite. L’obiettivo è cogliere le rilevanti potenzialità di crescita, in particolare in mercati come Cina, Hong Kong, Nord ed Est Europa, dove la presenza del gruppo è ancora limitata ma in rapida e positiva espansione”. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati