Gli induisti contro Philipp Plein: “Offendi le nostre divinità con i nomi delle tue scarpe”

“Utilizzare i nomi delle Divinità con avidità imprenditoriale, per vendere delle scarpe, è un abuso. Ciò offende i sentimenti religiosi degli induisti”. È un passo della lettera che Rajan Zed, guida spirituale indù, ha indirizzato allo stilista Philipp Plein, reo di aver chiamato Ganesha e Kali, divinità della religione induista, due modelli di calzature della nuova collezione. A riportarlo è il settimanale svizzero Handelszeitung (Philipp Plein, tedesco, si è trasferito a Lugano). La lettera evidenzia anche come le scarpe in questione siano in pelle bovina, animale sacro per la religione indù, e oggetto nel subcontinente di polemiche, conflittualità politiche e non solo. Rajan Zed esorta Plein a cambiare il nome delle scarpe. Kali indetifica una décolleté di vernice (in vendita al prezzo di 650 euro sul sito dello stilista) e un tronchetto open donna (2.150 euro). Ganesha è invece uno stivale alto open toe, venduto al prezzo di 4.998 euro. Philip Plein non ha, per ora, rilasciato dichiarazioni. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati