Grisport: Giappone e Cina spingono il fatturato, +10% nel 2013

Grisport cresce ancora. Chiuderà l’anno con un aumento di fatturato del 10% grazie a Giappone e Cina. L’azienda di Castelcucco (Tv), fondata nel 1977 dai fratelli Grigolato e specializzata nella produzione di scarpe da trekking, oggi dà lavoro a circa 200 dipendenti nello stabilimento trevigiano e quasi tremila nella struttura legata alla distribuzione. Ha chiuso il 2013 con un fatturato di 130 milioni di euro, il 75% rappresentato dalle esportazioni, oggi in crescita del 16%. Risultati ottenuti grazie alla rete di vendita in tutta Europa, nei Paesi arabi e allo sviluppo nei mercati asiatici, Giappone e Cina in particolare. Grisport punta su un marchio riconoscibile, una strategia intrapresa dieci anni fa quando il fatturato derivato dal conto terzismo è sceso. Il presidente di Grisport, Graziano Grigolato, consiglia questa strategia anche alle altre aziende del comparto, “altrimenti – sostiene – il distretto della calzatura è destinato a sgretolarsi. L’unico modo per essere competitivi è offrire un prodotto unico e riconoscibile”. Grisport conta al momento otto negozi monomarca in Europa, uno dei quali a Milano e altri 10 tra Est Europa e Cina. “Oggi  – aggiunge Grigolato – una battaglia sui costi di produzione è una battaglia persa. Ormai è difficile sopravvivere come contoterzisti, la via per le aziende del distretto è iniziare a produrre con un marchio loro, che sia riconoscibile, emblema del made in Italy”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati