Gruppo Tod’s in lieve crescita, boom di Roger Vivier

Il gruppo Tod’s ha chiuso il primo semestre con un incremento identico, +1,8%, per ricavi e utile. Il fatturato realizzato è pari a 491,2 milioni, l’utile netto 75,7 milioni. Il risultato è la conseguenza di una strategia avviata lo scorso anno dalla società presieduta da Diego Della Valle e volta a limitare i danni dei mancati consumi interni (-19% nel semestre), compensati dalla crescita all’estero, proteggendo esclusività e posizionamento dei marchi Tod’s, Hogan, Fay e Roger Vivier. “In linea con le nostre attese – commenta Diego Della Valle – il secondo trimestre 2013 ha registrato una buona crescita dei ricavi e degli utili. Tod’s e Roger Vivier continuano a realizzare ottimi risultati internazionali, mentre i risultati di Hogan e Fay sono stati influenzati dalla significativa riduzione della distribuzione indipendente, per la loro forte esposizione all’Italia e al canale wholesale. Sono convinto dell’efficacia della strategia in atto, fiducioso che il secondo semestre ci potrà dare buone soddisfazioni”. Le calzature, core business del gruppo (383,3 milioni) sono aumentate del 6,3%, pelletteria e abbigliamento perdono rispettivamente il 4,6 e il 27,2%. Tra i brand, Tods cresce del 3,5% e arriva a 296,3 milioni, Hogan perde il 14,8% e si ferma a 111,3 milioni, Fay crolla del 26,3% a 23,9 milioni. Da segnalare l’eccezionale risultato di Roger Vivier (nella foto), +80,6%, a 59 milioni). (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati