Inizia Obuv, attese calzaturiere per la Russia

Tra mille preoccupazioni, inizia oggi a Mosca la fiera Obuv, che chiuderà i battenti venerdì. Cancellata la manifestazione Shoes from Italy in programma a Kiev (Ucraina) ad aprile, Obuv sarà fondamentale per verificare lo stato di salute del mercato dell’area ex Urss e le prospettive per l’immediato futuro, sul quale incombono le nubi di paventate sanzioni commerciali a seguito dell’escalation della tensione per la Crimea tra Ucraina e Russia. Pensieri che tolgono il sonno alle 220 aziende italiane presenti in fiera, che rappresentano il 70% della rassegna, di cui l’80% calzaturieri e il restante 20% pellettieri e accessoristi, su una superficie espositiva di quasi 5.400 metri quadrati. Nutrito il contingente proveniente da Fermo (leader del mercato russo) composto da circa 130 imprese che attendono 8 mila operatori provenienti dall’ex Urss. “L’Obuv sarà un momento cruciale anche per recuperare il calo di affluenza di operatori russi (-22%) registrato al recente theMicam” spiega Cleto Sagripanti, presidente di Assocalzaturifici. La cancellazione di Shoes From Italy a Kiev? “Un problema non secondario e un pesante rallentamento nel consolidamento del business” aggiunge Ronny Bigioni, coordinatore del Laboratorio Russia nell’associazione. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati