La più antica scarpa del mondo è in pelle, è armena ed è in perfette condizioni: risale a 5.500 anni fa

La scarpa più antica del mondo è realizzata in pelle e ha più di 5.500 anni. È stata scoperta nel 2008 all’interno di una grotta nella provincia di Vayotz Dzor, in Armenia, ed è conservata nel Museo Nazionale di Storia di Erevan, la capitale. Le condizioni stabili, fresche e asciutte della grotta hanno permesso alla scarpa di conservarsi in maniera perfetta, proprio come gli altri oggetti – in gran parte contenitori – rinvenuti nel sito archeologico. Secondo gli studi al radiocarbone eseguiti in California e a Oxford, in Inghilterra, la scarpa è stata realizzata 3.500 anni prima di Cristo, nel Calcolitico, l’età del rame, alcune centinaia di anni prima delle calzature indossate da Ötzi, la mummia dell’uomo del Similaun ritrovato il 19 settembre 1991 sulle Alpi Venoste, fra l’Italia e l’Austria. Le dimensioni della scarpa corrisponderebbero a un 37, misura ritenuta grande per l’epoca e per questo potrebbe essere appartenuta a un uomo. All’interno della scarpa è stata trovata dell’erba, che secondo gli studiosi potrebbe essere servita o a mantenere la forma del piede per le successive calzate oppure a trattenere il calore per proteggere il piede dal freddo.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati