La scarpa penalizza Belle International: il gigante cinese perde ancora utili e si consola con l’abbigliamento

Il retailer cinese Belle International si aspetta un calo dell’utile tra il 15 e il 25% per l’esercizio chiuso il 28 febbraio scorso. A deprimere l’utile sarebbe il calo nelle vendite di calzature. Per Belle International, che distribuisce diversi marchi sportivi, tra cui Nike, Adidas, Puma e Converse, e possiede un totale di 20.716 store in Cina, sarebbe il secondo anno consecutivo di utili in calo, dopo il crollo del 62,4% su base annua registrato nell’esercizio scorso. Pochi mesi fa il retailer aveva ammesso di trovarsi di fronte a sfide difficili, dai cambiamenti dei canali di vendita al dettaglio al nuovo comportamento di acquisto dei consumatori, che stavano imprimendo una significativa pressione sul business calzaturiero. Belle ha rivelato che nel quarto trimestre le vendite dei negozi di scarpe hanno perso il 6,2% mentre quelle di abbigliamento sportivo e vestiti sono cresciute del 4,5%. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati