La virtù circolare della pelle: gli inglesi di The Hand Dyed Shoe fanno scarpe con gli scarti dei divani

Una storia (circolare) tira l’altra. Sono sempre di più, ed emergono con costanza e continuità, i case history di aziende e startup che basano il loro progetto di business sul recupero di quel che già di per sé è un recupero. Sembra un gioco di parole. Non lo è e lo dimostra l’esperienza di The Hand Dyed Shoe, azienda britannica che ha vinto il concorso Smoooth Stores indetto dalla banca svedese Klarna per “scoprire e sviluppare i migliori talenti commerciali del Regno Unito”. The Hand Dyed Shoe (fondata a Durham nel 2014) si è aggiudicata un assegno da 10.000 sterline e un servizio di tutoraggio da parte di manager di Klarna grazie alla sua particolarità di realizzare scarpe utilizzando pelli di scarto provenienti dall’industria dell’arredamento. Una circolarità esclusiva, visto che ogni paio è fatto su misura e tinto a mano. Simon Bourne, il fondatore, ha affermato che la sua missione è quella di “cambiare il modo in cui vengono acquistate le scarpe, offrendo un’esperienza e un servizio unici”. Una circolarità che si abbina ad alcune linee più “tradizionali”, come ci spiega Simon Bourne: per esempio, quelle che richiedono “pellami di grandi dimensioni per realizzare stivali Chelsea”. In questo caso, le pelli sono acquistate ad hoc. (mv)
Immagine tratta da handdyedshoeco.com

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati