Lorbac, la Regione insiste sulla cassa integrazione

Dall’incontro di ieri tra la commissione emergenza occupazionale del Consiglio regionale presieduta da Paolo Marini (FdS/Verdi) e le rappresentanze sindacali della Lorbac, è emersa la volontà di insistere in direzione della cassa integrazione straordinaria, se necessario anche attraverso “pressioni politiche”. I circa 80 lavoratori dell’azienda riconosciuta a livello internazionale che, a detta delle stesse rappresentanze aziendali, ha ancora ordini in corso, da luglio non percepiscono lo stipendio. Dopo circa 4 mesi il primo impegno si concretizzerà in una mozione da iscrivere al prossimo Consiglio regionale, un passo importante per i lavoratori, considerato che il prossimo 18 ottobre scadranno i primi 30 giorni dall’apertura della procedura di mobilità. Un termine a cui potranno seguire altri 30 giorni ma oltre il quale una decisione dovrà essere presa o si andrà verso il fallimento. E dai sindacati è arrivata la notizia di un possibile interesse da altri imprenditori. “Se è una notizia attendibile – ha precisato Marini – occorre spingere su questa strada e trovare, in tempi più che brevi, un imprenditore interessato”. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati