Marche, negativo il terzo trimestre 2012

Terzo trimestre negativo per la calzatura marchigiana e prospettive ancora negative. Secondo le dichiarazioni degli operatori intervistati per l’Indagine Trimestrale di Confindustria Marche, le tendenze dell’attività commerciale per i prossimi mesi sono orientate ad una ulteriore flessione, in particolare sul mercato interno. Secondo l’indagine, infatti, nel terzo trimestre 2012 la produzione di calzature è risultata in flessione del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, andamento comunque migliore di quello registrato a livello nazionale (-6,2%). Evidenti segnali di difficoltà congiunturale emergono anche dalle dichiarazioni degli intervistati: rimane bassa, infatti, la quota di imprese che ha registrato miglioramenti nei livelli di attività (14% contro 13% della precedente rilevazione), mentre sale la quota di operatori che ha registrato una flessione (53% contro 49% della rilevazione del secondo trimestre 2012). Le vendite complessive sono diminuite rispetto al terzo trimestre 2011 (-3,4%), con variazioni pesantemente negative sul mercato interno (-11,6%) e positive sul mercato estero (+4,7%). Nonostante il buon risultato sull’estero, l’andamento dei saldi conferma la fase difficile che interessa i due mercati: sull’interno, scende ancora al 20% la quota di operatori che ha registrato miglioramenti delle vendite (22% nella precedente rilevazione), mentre sale la quota di operatori con attività produttiva in calo (61% contro 57% della precedente rilevazione). Segnali di rallentamento anche per chi lavcora con l’export: scende infatti la quota di operatori con fatturato in crescita (46% contro 50% della precedente rilevazione), mentre rimane stabile la quota di quelli con vendite in diminuzione (38% contro 37% della rilevazione del secondo trimestre 2012). Tali dati confermano l’accentuarsi della differenziazione tra la dinamica dell’attività commerciale sul mercato interno (deprimente) e quella sul mercato estero (ancora buona ma in leggera frenata). Prezzi di vendita in aumento, sia sul mercato interno (2,6%) sia sull’estero (3,3%); in aumento anche i costi di acquisto delle materie prime, sia sull’interno (2,5%) sia sull’estero (1,9%). Tra luglio e settembre 2012, i livelli occupazionali sono diminuiti dell’1,7%. In crescita i ricorsi alla CIG (+12,3%): le ore autorizzate nel terzo trimestre 2012 sono state circa 434 mila contro le 387 mila circa del terzo trimestre 2011. (m.v.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati