Nel 2017 la scarpa italiana inverte la rotta e torna a crescere. Assocalzaturifici: “Ma non parliamo di ripresa”

Dopo tre anni di contrazione, la calzatura italiana inverte la rotta e torna a crescere. Ma Assocalzaturifici, l’associazione confindustriale di settore, frena facili entusiasmi: “Il 2017 si è chiuso all’insegna della stabilità, ma l’andamento favorevole sui mercati internazionali non autorizza a parlare di ripresa”. Il bilancio preconsuntivo 2017 elaborato dal Centro Studi di Confindustria Moda per theMicam registra una produzione in crescita sia in volume (+1%), che in valore (+2,6%). Le note positive arrivano dai mercati esteri dove, considerando anche le riesportazioni, la scarpa italiana fattura il 3,5% in più (9,1 miliardi) a fronte di un export cresciuto dell’1,3% (208,6 milioni di paia). Mentre segnali incoraggianti arrivano, in media, dai principali Paesi di destinazione (Francia, Russia e Cina), accusa un rallentamento il prodotto in pelle: rappresenta la principale voce di mercato (5,7 miliardi), ma cede sia in valore che in volume (rispettivamente – 0,6% e – 2%). Calano ancora i consumi domestici (-0,1%). Diminuiscono su base annua le aziende attive (-2,7%) e gli addetti (-0,2%). “Il settore attraversa un periodo di incertezza: il cuneo fiscale e il costo della manodopera non ci permettono di essere competitivi sul mercato internazionale”, commenta Annarita Pilotti, presidente Assocalzaturifici.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati