Peak in piena crisi punta sull’on line

Continua il periodo difficile per Peak, uno dei maggiori gruppi cinesi per la produzione di calzature sportive. Dopo aver registrato nel 2012 un drammatico calo dei profitti, pari a meno 60%, e una diminuzione delle vendite (-38%) rispetto all’anno precedente, il rallentamento del mercato interno e di quello internazionale non sta rendendo la vita facile al brand specializzato nelle scarpe da basket. Nei primi tre mesi del corrente anno, è stata decisa la chiusura di 125 store monomarca Peak presenti sul territorio cinese, quando nel 2012 avevano già chiuso i battenti altri 1.323 punti vendita. Secondo i dirigenti Peak, che hanno espresso l’intenzione di rivedere la distribuzione degli store in Cina e di puntare maggiormente sul mercato on-line, il calo dei profitti è dovuto soprattutto all’aumento del costo di produzione e alla percentuale degli articoli rimasti ancora invenduti, nonostante un’intensa campagna promozionale a supporto. (ap)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati