Scarpe tossiche, Bara e Voegele ritirano modelli in Svizzera


A seguito di un test condotto dalla trasmissione “Patti Chiari”, in onda sulla rete svizzera Rsi ed effettuati presso i laboratori di Conciaricerca Italia, sono stati ritirati dal mercato quattro modelli di calzature prodotte da Bata e Vögele, i due principali brand con base nella Confederazione elvetica.

Le scarpe in questione, comunica Rsi, sono risultate positive al test del cromo VI. Su 21 paia acquistate nella Svizzera italiana, in 14 è stato riscontrato un valore superiore (fino a 15 volte) ai limiti tollerati (3 mg/kg). 
Nell’inchiesta shock, Patti chiari documenta cosa si nasconde dietro la filiera produttiva delle scarpe in pelle in vendita anche in Svizzera e quali sono le conseguenze sociali, sanitarie e ambientali del business delle calzature realizzate con materiali d’importazione extra Ue.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati