Scarti di pellame interrati in Salento, continua l’indagine

Arriva la conferma ai sospetti trapelati nelle ultime settimane: la Procura di Lecce ha riportato alla luce rifiuti costituiti da scarti della lavorazione industriale di pellame in diversi siti. Il prologo risale alla scorsa settimana, quando è stato disposto il sequestro di un altro sito, ad Alessano. Ora le indagini coordinate dal pm Elsa Valeria Mignone si sono spostate sulla zona confinante di Tricase, dove i carotaggi sono stati condotti dalla Guardia di Finanza di Maglie e a Patù in una zona di circa 5mila metri quadri in contrada “Pozzo Volito” vicino ad un canalone che scende verso il mare di San Gregorio. Si teme che i rifiuti rinvenuti a circa 3 metri di profondità possano aver inquinato la falda acquifera tramite il percolato. Il Nucleo Ambientale dei Carabinieri proseguirà nelle indagini con ulteriori accertamenti allo scopo di provare a risalire ai produttori dei rifiuti sepolti in un’area che si trova in una delle più belle e suggestive zone del Sud Salento, che in passato era zona ad elevata intensità di produzione calzaturiera. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati