Sergio Rossi negli Usa

“Negli ultimi anni Sergio Rossi ha svolto un lavoro eccezionale nel riposizionare il brand, prima in Europa e poi in Asia. Adesso siamo di nuovo con forza negli Stati Uniti” sostiene il grande capo di Kering America, Laurent Claquin. L’azienda non ha reso noti i bilanci del 2012, tuttavia la recente apertura a Las Vegas autorizza l’amministratore delegato, Christophe Mélard, a “sognare quelle di New York e Los Angeles”, mentre sono 84 i negozi monomarca a livello mondiale, dei quali 30 in franchising. Il più proficuo è quello di Harbour City (Hong Kong), che ha indotto l’azienda di San Mauro Pascoli a riacquistare parte dei punti vendita asiatici. Soddisfazioni anche dal Giappone (20 negozi), mentre in Europa si punta a conquistare il turista cinese con nuove vetrine a Milano, Parigi e Mosca. Il brand è stato recentemente affidato come direzione artistica ad Angelo Ruggeri. “Il mio programma prevede un miglioramento di visibilità su Barneys, Saks e Neiman Marcus, perché abbiamo grosse opportunità attraverso il wholesale – conclude Mélard – e se compariamo il nostro mercato rispetto ai diretti antagonisti, (Blahnik, Choo, Louboutin) possiamo solo crescere”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati