“Terra dei fuochi” calzaturiera in Salento

L’inchiesta sui rifiuti tossici in Puglia era stata aperta lo scorso autunno dal procuratore di Lecce, Cataldo Motta e dall’aggiunto Ennio Cillo. Ed è ad Alessano, in provincia di Lecce, che partono gli scavi alla ricerca degli sversamenti che secondo le analisi delle acque effettuate nei mesi scorsi dalle amministrazioni comunali della zona avrebbero contaminato i terreni circostanti e le falde acquifere. La zona è quella di contrada Matine, nel Salento: è qui che, secondo alcune testimonianze raccolte dagli inquirenti, negli anni Novanta era consuetudine seppellire i rifiuti pericolosi di alcune fabbriche calzaturiere al fine di risparmiare sullo smaltimento. Per ora gli scavi sono concentrati in una ex cava di tufo sopra alla quale dovrebbe sorgere la nuova strada statale 275, ma non si esclude di procedere in altre zone, sempre nel basso Salento, da individuare tramite complesse tecnologie radar. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati