Trattative sindacali per la conversione di Golden Lady a suolificio



I sindacati hanno rifiutato di apporre la firma sulla procedura di mobilità aperta recentemente dalla Golden Lady per 184 lavoratori su 443. Questa la decisione presa al termine di una lunga riunione fra i vertici dell’azienda e i rappresentanti dei lavoratori. Argomento centrale della discussione, il passaggio di 100 dipendenti alla costituenda Sdg, un’azienda che la Del Gatto calzature di Porto Sant’Elpidio vuole aprire all’interno del fabbricato industriale della stessa Golden Lady di Basciano (Teramo). I sindacati vorrebbero guadagnare tempo per valutare con attenzione il passaggio delle maestranze dall’una all’altra impresa. La Del Gatto però vorrebbe avviare la produzione di suole con 20 operai già nei primi giorni di aprile. Altri 20 dipendenti verrebbero assunti a maggio e altrettanti a giugno, i restanti 40 dopo l’estate. In base al business plan dell’azienda marchigiana, a Basciano arriverebbero dei formatori per condurre dei corsi lampo e trasferire le prime competenze agli operai che finora hanno realizzato calze e biancheria intima. I sindacati attendono rassicurazioni sul passaggio, anche a livello contrattuale. Intanto, la Golden Lady ha avviato un sondaggio fra i lavoratori per capire quanti sono disposti volontariamente a trasferirsi alla nuova azienda di suole. Se entro lunedì 18 l’azienda non troverà 100 volontari, procederà a scegliere in base ai criteri di legge. Al riguardo si terrà un nuovo incontro con i sindacati il 21 marzo. (m.v.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati