Venezia, chiusi 10 laboratori cinesi tra tessile e calzatura

Su 22 laboratori del settore tessile e calzaturiero dell’area della Riviera del Brenta e del cavarzerano gestiti da cittadini cinesi, 12 sono risultati irregolari e 10 sono stati chiusi con provvedimento di sospensione poiché impiegavano manodopera in nero in percentuale superiore al 20% della forza lavoro presente. E’ il risultato di un’operazione dei Carabinieri di Chioggia in collaborazione con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Venezia e gli Ispettori della Direzione Provinciale del Lavoro di Venezia, diretta a contrastare il fenomeno del lavoro sommerso. Per scandagliare le aziende sono stati impegnati 35 carabinieri e 24 ispettori del lavoro: in totale, su 120 lavoratori controllati, 22 sono stati trovati senza contratto. Sono state denunciate due persone: il cinese titolare di un laboratorio per aver impiegato alle proprie dipendenze uno straniero clandestino e l’operaio cinese per il reato di clandestinità. In totale inoltre sono state comminate sanzioni per 60 mila euro. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati