Vietnam: export calzaturiero senza sosta, ma le pelli locali sono poche

Il Vietnam ha raggiunto nel 2013 l’obiettivo degli 8 miliardi di dollari derivanti dall’export di calzatura. Ma l’associazione di categoria (Vietnam Leather and Footwear Association) continua a lamentarsi che la produzione calzaturiera locale utilizza ancora in minima parte conce domestiche, ritenendo eccessivo l’import di conciario finito, proveniente principalmente da Brasile, Italia e Stati Uniti. La produzione di scarpe, invece, è destinata a crescere anche nel 2014 a causa del trend di parziale abbandono della manifattura cinese da parte dei committenti occidentali, ma anche perché l’Unione Europea garantirà una corsia preferenziale al Paese riducendo le tariffe doganali (2-4% contro il 13-14% attuali). Le aziende vietnamite di calzatura sono circa 1.100, per un totale di 720.000 dipendenti diretti. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati