Villette trasformate in laboratori abusivi a Vigevano

Due villette alle porte di Vigevano trasformate in laboratori abusivi per la produzione di calzature destinate anche a brand di alta moda. L’hanno scoperto i Carabinieri della Compagnia di Vigevano dopo svariati appostamenti e una lunga e complessa attività di sorveglianza ad Albonese e Parona. L’attività era gestita da una coppia di cittadini cinesi che avevano alle dipendenze 20 lavoratori, molti dei quali con figli al seguito, che lavoravano e vivevano all’interno della struttura in condizioni igieniche drammatiche. Tutti regolarmente assunti, hanno raccontato di turni massacranti di lavoro che arrivavano anche a 20 ore consecutive. Tra i letti improvvisati erano stipati 30 litri di solventi chimici altamente infiammabili che avrebbero potuto facilmente scatenare una tragedia analoga a quella accaduta a Prato solo pochi giorni fa. I due coniugi cinesi 30enni, regolarmente residenti in Italia, sono stati denunciati con l’ipotesi di riduzione in schiavitù, e due italiani, un uomo di 32 anni e una donna di 46, proprietari delle villette, sono stati denunciati per gli abusi edilizi commessi per trasformare le case in laboratori. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati