Civitanova: nel tomaificio cinese culle e neonati

Carabinieri e Polizia Locale di Civitanova, nell’ambito di una serie di blitz contro il lavoro nero, una volta entrati nel capannone di un tomaificio di proprietà di due imprenditori cinesi di 32 e 27 anni, hanno trovato sul luogo di lavoro anche i loro figli: un bimbo di nemmeno un anno e una bambina di 3. I giochi, la culla e uno stendino per i vestiti si trovavano tra i macchinari per cucire e barattoli di colla industriale. Le condizioni igieniche del luogo hanno quindi hanno portato a una verifica ulteriore da parte dell’Ufficio dei servizi sociali del comune. All’interno della struttura è stata trovata un’altra stanza con un materasso di fortuna adagiato su alcune latte di colla, oltre a diverse casse di acqua minerale e agli scalda-biberon dei bambini ,che secondo i servizi sociali non si trattavano comunque in stato di abbandono. Ora i militari stanno ultimano i controlli sui lavoratori dell’azienda, mentre il personale del comune sta preparando una relazione da inoltrare agli uffici competenti.  (m.c.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati