Conceria Gaiera tira le somme di un anno di fotovoltaico: 260.000 kWh prodotti, 130 tonnellate di CO2 emesse in meno

0

I numeri sono importanti e bisogna partire da loro per raccontare e capire l’importanza del progetto avviato da Conceria Gaiera (Robecchetto con Induno) insieme a Unet Energia Italiana, che oggi ha tirato le somme a poco più di un anno dalla sua attivazione. Parliamo dell’impianto fotovoltaico installato sulla copertura dello stabilimento che, “acceso” per la prima volta a luglio 2017, ha permesso alla conceria lombarda di produrre in un anno energia pari a 260.000 kWh e in 15 mesi (luglio 2017/ ottobre 2018) pari a 330.000 kWh, “più di quanto previsto in sede progettuale”, spiegano i tecnici Unet. L’85% di questo volume energetico è stato autoconsumato da Gaiera coprendo il 20% del suo fabbisogno, il restante 15% immesso in rete. Non solo: significativo è l’abbattimento di emissioni permesso da questa scelta fotovoltaica. In dodici mesi la riduzione dell’emissione di CO2 è stata pari a 130 tonnellate, quota che su 15 mesi diventa di 160 tonnellate. “Questo impianto – spiega Chicca Miramonti di Gaiera – ci dà un passo in più e rafforza tutto il nostro impianto sostenibile, avviato con l’implementazione di macchinari che ci permettono una gestione corretta delle risorse, idriche in particolare, per arrivare all’attenzione al territorio”. Gaiera, infatti, è azienda capofila del progetto comunale di rifacimento della rete fognaria industriale, impegno che la rende, dice Giorgio Braga, sindaco di Robecchetto con Induno, “un caso aziendale esemplare”. Tornando all’impianto fotovoltaico, il progetto nasce dall’incontro tra Gaiera e Unet Energia Italiana, società di vendita nel mercato libero di energia elettrica e gas, avvenuto, spiega il presidente Unet Giuseppe Pirola, “su un campo da pallavolo”. Gaiera e Unet, infatti, sono tra gli sponsor di Uyba Volley Busto Arsizio (serie A1 femminile), società della quale Pirola è presidente.

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso