La Fase 2 è iniziata: aggiornato il protocollo UNIC / sindacati

La Fase 2 è iniziata: aggiornato il protocollo UNIC / sindacati

La Fase 2 inizia oggi, 4 maggio 2020. E porta con sé la necessità di una ferrea gestione dell’attività produttiva sotto il profilo della sicurezza. Così, UNIC –  Concerie Italiane e sindacati di categoria (Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil) hanno ritenuto necessario “aggiornare in data 1 maggio il protocollo già siglato lo scorso 21 aprile”. Oggetto: “La regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro delle imprese conciarie”.

Aggiornato il protocollo

“L’aggiornamento – spiega UNIC in una nota – si è reso necessario alla luce del nuovo protocollo tra Confindustria e sindacati confederati del 24 aprile”. Ma anche in relazione alle “modifiche normative cogenti adottate a livello nazionale e regionale negli ultimi giorni.Le differenze rispetto al vecchio documento settoriale non sono molte, ma, in alcuni casi, rilevanti”.

Le novità, punto per punto

Ecco, quindi, punto per punto, le novità contenute nel protocollo aggiornato:
Punto 3 (COMITATO PARITETICO TERRITORIALE): contenuti integrati con quanto espressamente previsto dal nuovo protocollo di Confindustria.
Punto 4 (INFORMAZIONE): introdotto l’obbligo di rimanere al proprio domicilio qualora si provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell’OMS.
Nuovo punto 5 (DISTANZA INTERPERSONALE). In esso si specifica che “la misura del distanziamento è stabilita preferibilmente in due metri e comunque in non meno di un metro, salvo diversa disposizione delle Autorità”. Sono stati conseguentemente modificati anche i passaggi relativi al distanziamento nelle attività di carico/scarico (punto 7), gestione spazi comuni (punto 11), spostamenti e riunioni (punto 14).
Punto 6 (MODALITÀ DI INGRESSO IN AZIENDA – vecchio punto 5): sono stati aggiunti i passaggi su spostamenti verso il luogo di lavoro, collaborazione in caso di misure aggiuntive specifiche previste dall’autorità sanitaria, modalità di ingresso in azienda di lavoratori già risultati positivi all’infezione.
Punto 7 (MODALITÀ DI ACCESSO DI SOGGETTI ESTERNI – vecchio punto 6): introdotte alcune disposizioni per lavorazioni conto terzi e in appalto svolte presso i locali dell’azienda.
Punto 8 (PULIZIA E SANIFICAZIONE IN AZIENDA – vecchio punto 7): si prevede, nelle aree geografiche a maggiore endemia o nelle aziende in cui si sono registrati casi sospetti di Covid-19, una sanificazione straordinaria alla riapertura.
Punto 12 (ORGANIZZAZIONE AZIENDALE – vecchio punto 5): integrato con alcune specifiche su smart working ed ambienti di lavoro dove operano più lavoratori contemporaneamente.
Punto 15 (GESTIONE PERSONA SINTOMATICA IN AZIENDA – vecchio punto 14): il lavoratore, al momento dell’isolamento, deve essere subito dotato di mascherina chirurgica.
Punto 16 (SORVEGLIANZA SANITARIA – vecchio punto 15): introdotte alcune specifiche per medico competente e casistica del rientro lavorativo di soggetti con infezione da Covid-19.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati