La pelle è disruptive? A Lineapelle rispondono i giovani designer

La pelle è disruptive?

Versatile, mutevole, poliedrica. Alla domanda lanciata sulla copertina del nostro ultimo memsile (“La pelle è disruptive?”) hanno risposto gli studenti di Polimonda Firenze e Università IUAV di Venezia, presenti a Lineapelle 97 con i loro progetti. Il punto di vista dei giovani designer si snoda tra il carattere del materiale come “disruptive per natura”( riferendosi alla sua anima ecosostenibile) e alle potenzialità “dirompenti” della pelle in senso stilistico.

Perché è circolare
“La pelle è sicuramente disruptive – ha detto Andrea Bertello, studente dell’Università IUAV – perché nelle preoccupazioni ambientaliste, di sostenibilità e circolarità, è importante sapere che il materiale arriva dall’industria alimentare”. “Ci vuole più consapevolezza e conoscenza – ha commentato Gaia Giomarelli, studentessa Polimoda -. C’è tanta confusione sul processo di lavorazione della pelle. Ci vorrebbe un incentivo a scoprire cosa c’è dietro, una sorta di backstage di cosa succede nel dietro le quinte della pelle, così in molti capirebbero”.

 

 

Perché è affascinante
“Sono stata introdotta alla pelle l’anno scorso e ho scoperto un fascino che non conoscevo – dice Emma Maiorino, studentessa IUAV – rispetto al tessuto che mi da sempre le stesse sensazioni. La pelle è molto affascinante. È possibile utilizzarla in tante maniere diverse, darle una strutturalità, accostarla e mescolandola a materiali diversi, creando movimento”. Nel progetto della sua collega Anna Basso, invece, una rivisitazione dell’antica valigeria attraverso la pelle naturale. “Per trasformare in modo moderno e attuale l’idea di valigia rigida di un tempo, ho usato una pelle in crust molto morbida”, ci ha raccontato. “La pelle può avere un carattere controcorrente nel suo utilizzo – ha detto Nicholas Ceschin -. Nel mio progetto io ho lavorato sulle forme, giocando con i contrasti, utilizzando pelle pregiata di pitone in un modo dinamico abbinata alla lana scozzese”.

Perché versatile
“La pelle può essere molto versatile e fonte di ispirazioni per progetti e idee molto diversi – ha aggiunto Costanza Motta della Conceria Motta Pelli, che ospita all’interno del suo stand alcuni capi realizzati da studenti dell’Istituto Marangoni di Milano -. La conferma l’abbiamo avuta con la collaborazione che abbiamo sviluppato quest’anno con questi giovani designer. Il progetto ha dato origine a capi molto innovativi. Hanno dimostrato che la pelle può essere sempre un materiale rivoluzionario che si lascia interpretare con tendenze, tematiche, idee nuove”.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati