L’appello dei conciatori ai fornitori: basta speculazioni

Anno difficile, il 2013, sul fronte acquisti. Nella relazione all’assemblea, il presidente Unic Rino Mastrotto ha ripercorso le dinamiche dell’offerta di pelli grezze: abbattimenti contratti del 3% e quotazioni rimbalzate del 25%. “Non è la prima volta e non sarà l’ultima, però questi giochetti al rialzo sono pericolosi. Chi sta a monte dovrebbe ragionare in termini più strategici, dovrebbe limitare la speculazione, immaginando cosa succederebbe se la clientela della conceria italiana decidesse di cercare alternative o nei materiali o nei fornitori”. Una parte dell’aumento del fatturato conciario dipende proprio dall’incremento dei costi all’acquisto: la produzione in metri quadri infatti è aumentata del 2,4% contro il 9,5% in valore. “Lavoriamo quantità simili al periodo posto a cavallo anni ’70-’80, ricaviamo come nel biennio 2006-07” ha osservato Mastrotto. Tra i distretti, in crescita il Veneto sull’export e la Toscana all’interno (principalmente per le grandi firme), mentre la Campania, pur soffrendo per le incertezze della sua specializzazione (ovicaprino), si difende esportando. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati