Conciatori mongoli a lezione di sicurezza

Mongolia, conciatori a lezione di sicurezza da UNIDO e FAO

In Mongolia, la filiera della pelle investe in salute e sicurezza. Un gruppo di 40 conciatori (le cui aziende hanno sede in differenti regioni della nazione asiatica) hanno partecipato a un corso di formazione. Lo hanno organizzato UNIDO (Organizzazione per lo Sviluppo Industriale delle Nazioni Unite), FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura) e ilgoverno di Ulan Bator.

120 tutor
Il corso ha visto la partecipazione, in veste di tutor, di 120 esperti. Hanno approfondito il tema della valutazione e della gestione dei rischi (anche quelli relativi all’utilizzo di prodotti chimici). Focus particolare sulla sicurezza nell’ambiente di lavoro.

Una necessità
“Salute e sicurezza sul lavoro sono temi che non rappresentano una scelta, ma una necessità per soddisfare gli standard internazionali – ha commentato il coordinatore del progetto UNIDO, Munkhbolor Gungaa -. La nostra esperienza internazionale si integra perfettamente con le competenze presenti in Mongolia, incluso il miglioramento della produzione e della qualità delle lavorazioni“.

Il valore
L’anno scorso, in questo stesso periodo, sempre UNIDO, in collaborazione con il governo mongolo, aveva lanciato una serie di corsi modulari a distanza per “migliorare la catena del valore nella lavorazione delle pelli”, favorendo così la nascita di nuovi posti di lavoro e, quindi, opportunità di reddito.

Immagine tratta da unido.org

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati